Pellegrino in La Domenica – Video con Angela Curri e Giulio Beranek

Pellegrino in “La Domenica”
LA DOMENICA è il titolo del nuovo singolo di PELLEGRINO

Il videoclip, ideato e diretto dallo stesso Marco Pellegrino, è interpretato da due giovani attori di fama nazionale, ANGELA CURRI e GIULIO BERANEK, entrambi attivi nel panorama cinematografico e televisivo degli ultimi anni.
Il videoclip racconta, in un lento e suggestivo slow motion, la corsa di due giovani amanti, destinata ad un abbraccio che dissolverà i loro corpi, durante il contatto finale.
Il testo della canzone è ispirato ad una poesia scritta dall’attore Francesco Colella.

BIOGRAFIA PELLEGRINO
Nasce e cresce in Piemonte, impara a suonare la batteria a quindici anni, età in cui perde il senno per un gruppo inglese con la radio in testa. A 23 si laurea in Storia del Cinema a Milano, prima di trasferirsi a Roma dove inizia a lavorare come assistente alla regia, filmaker e regista di videoclip. Parallelamente suona la batteria e la chitarra in alcune band della capitale – I QUARTIERI (42 records) e RUBBISH FACTORY (Modern Life) – con le quali pubblica due dischi. Nel 2015, guardando un documentario astronomico in tv, vede una foto della Terra scattata a sei miliardi di chilometri di distanza da una sonda in viaggio verso i confini del sistema solare, accompagnata dalla lettura delle “riflessioni su un granello di polvere” di Carl Sagan. Il senno, questa volta, lo perde tra i pianeti e tra le stelle, iniziando a procurarsi manuali di fisica e astrofisica divulgativa, ma faticando seriamente a capire qualcosa sulla
gravità quantistica o sulla teoria delle stringhe. Decide pertanto di interrompere le letture scientifiche per dedicarsi interamente alla realizzazione di un album ambientato quasi totalmente nello spazio, allontanandosi per diversi mesi dalla Terra per guardarla da lontano e riconoscerla finalmente come un puntino solitario, avvolto dal grande buio cosmico.
Attualmente si trova su Kepler 186 f – un pianeta che orbita intorno a una nana rossa – con un synth, una chitarra e una macchina fotografica.

“VOI SIETE QUI” nasce come un viaggio nello spazio. Ogni canzone prende le mosse dalla lettura delle “riflessioni su un granello di polvere” di Carl Sagan, una breve descrizione dell’ultima foto della Terra, scattata nel 1990 dal satellite artificiale Voyager 1 a circa 6 miliardi di chilometri di distanza dal nostro pianeta. Nella fotografia analizzata da Sagan, la Terra appare come un puntino blu e pallido, una macchia solitaria “avvolta dal grande buio cosmico”, un granello di polvere che costringe ogni osservatore a ridimensionare qualsiasi gesto e pensiero umano, le nefandezze, la presunzione, la tirannia, ogni duce, ogni eroe e codardo, ogni essere che vive su un angolo appena distinguibile del puntino. “La nostra presunzione, la
nostra immaginata auto-importanza, la nostra illusione di avere una posizione privilegiata nell’Universo, sono sfidate da questo puntino di luce pallida”.

VOI SIETE QUI è un disco che raccoglie impressioni, fotografie e nuove testimonianze del luogo in cui viviamo, in cui abbiamo sempre vissuto, l’unica casa che abbiamo mai abitato. È il punto di vista di un viaggiatore che immagina di essere giunto ai limiti del Sistema Solare e, guardando per l’ultima volta la pallida luce della propria casa lontana, sorride all’idea di
poterla comprendere e osservare per la prima volta in un modo del tutto inedito e assoluto.
Il disco raccoglie 11 canzoni, anticipate da un’introduzione che suggerisce la partenza di un viaggio nel cosmo. Le tracce sono state scritte nel giro di un paio di anni, tra la metà del 2014 e la fine del 2015. La lavorazione dell’album ha seguito un percorso musicale di sottrazione degli strumenti più classici, come chitarre e batterie acustiche, per privilegiare suoni più sintetici ed elettronici.
L’intero album è stato registrato in un piccolo paesino in provincia di RIeti, Corvaro, abitato da pochissimi abitanti, isolato tra le montagne della Valle Del Salto, luogo idoneo all’isolamento dal Mondo. È legittimo pensare, quindi, che questo disco sia stato realizzato fuori dalla Terra.

Spingitori dischi
via molinara
Rieti, Ri 02100
Italy

La Redazione
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...