Claudio Conti: “Saltworks” – Seahorse Recordings 2017

claudio-conti-epk

“Saltworks”, che significa ‘saline’, è il primo disco da solista del cantautore Claudio Conti, ex frontman della band folk rock psichedelica Magic Salad. Saltworks è la bellezza del ritrovarsi di fronte alle risorse dell’entusiasmo artistico. È landa al tramonto che avvolge la tua introspezione facendoti cullare il mistero delle coincidenze del destino. Include le nuvole in movimento e la riservatezza dei fenicotteri. E’ un apparente e voluto distacco dal coinvolgimento urbano per riflettere sulle ambizioni in attesa della discesa del sole. C’è il grano abbagliante e la carezza del maestrale, il sudore della gioia delle illusioni e la paralisi dell’innamoramento nonché del diniego. Il sogno di drappi e stendardi e le voci lontane che echeggiano. La voce del frangente e il bisogno di incontrare la luna nel mare d’inverno, il volto di una donna che vuole ma che non può, il mantra delle correnti udite dal balcone e la consapevolezza malinconica del trapasso, il mosto, l’odore delle carrube e la voglia di riemergere, scalzi e volitivi.

È un disco in cui l’ermetismo e il sogno hanno la mansione di far collidere la vita ordinaria con le riflessioni sull’esistenza. Tutti i testi dei brani sono scritti sotto forma di poesia e provano ad afferrare quella gestualità che la vita ha ma che a volte è inopportunamente nascosta da noi stessi.

Il cantautore Claudio Conti, classe 1981, nasce dalle ceneri di artisti introspettivi come Tim Hardin, Tim Buckley, Nick Drake e Gene Clark. Durante gli anni universitari ha realizzato una compilation fatta di home recordings intitolata semplicemente “Botticelli”. Nel 2002 e 2003 si è trasferito nelle stagioni estive in California (San Diego e Los Angeles) dove ha rispolverato le sue radici melodico-psichedeliche delle band Love, Doors e Byrds e di geniali cantautori (Gram Parsons su tutti). Nel 2006 si è laureato in Lingue e Letterature Straniere e si è trasferito a San Francisco dove ha continuato la sua ricerca nel passato per plasmare il suo stile e il suo sound. Ha scelto intenzionalmente la Bay Area per imprimere nella sua mente i luoghi che diedero vita alla scena della California Settentrionale dei fine anni sessanta in cui Haight Ashbury era il centro principale della sperimentazione e della fluida creatività.

Il 2008 è l’anno in cui ha realizzato il suo primo EP col titolo “Handmaids Skim The Marble” che ha un’atmosfera Fleet Foxes/ Barrettiana. Ha inciso poi tredici pezzi folk da cui sono stati estrapolati cinque brani in seguito inclusi nell’EP successivo “Northern”(di matrice maggiormente psichedelica). E’ stato il fondatore (assieme a Davide Sgualdini) della band folk rock psichedelica “Magic Salad” di cui ha scritto tutti i brani e da questo progetto è uscito l’LP “Every Forest Has Its Shadow”.

La produzione del suo primo disco solista “Saltworks” inizia nell’estate 2013 e termina nel Dicembre 2014. Il disco è caratterizzato dall’alternanza di atmosfere campestri e marittime e deve tanto a suggestioni britanniche (Smiths, Drake, Lennon, Fairport Convention) e americane (Buckley, Hardin, Chilton, Nilsson). Tutti i testi dell’album sono scritti sotto forma di poesia e sono principalmente influenzati da Hart Crane, Robert Creeley, Arthur Rimbaud e Dylan Thomas. Il disco è stato autoprodotto dal cantautore, registrato e mixato da Davide Sgualdini.

Nella seconda metà del 2014 si è trasferito per un anno e mezzo a Chicago e Los Angeles dove ha suonato regolarmente in club dell’underground, bar, pub e caffetterie. Dopo un periodo di due mesi a Camden Town, Londra è tornato in Italia lo scorso autunno. Saltworks è uscito ufficialmente il 6 Gennaio 2017, pubblicato dall’etichetta Seahorse Recordings di Paolo Messere e distribuito dalla Audioglobe.

TRACK LIST:

1 Veiled Sun
2 All Will Be Well Soon
3 Nestled Feelings
4 Saffron Sinless Sky
5 Rilke
6 Fallen Leaves
7 High Above
8 An Apology To Planet Earth
9 Stars Inspire
10 Underneath The Moon
11 Song Of Love And Karma
12 Nothing Is Beyond You
13 A Dying Kiss
14 Isles


Credits:
Claudio Conti: “Saltworks”
Data di uscita: 6 Gennaio 2017
Produzione artistica: Claudio Conti
Distribuzione: Audioglobe
Edizioni: New Model Label

WEB:
https://www.facebook.com/Claudio-Conti-1479110699037058/

La Redazione

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...