Almendra Music: Semi di musica in terre confiscate alla disumanità dall’elettronica, alla musica classica, al nuovo jazz e al rock

am_logo

ALMENDRA MUSIC
…musica dalle terre confiscate alla disumanità…

Tra classica, elettronica, contemporanea, popular e jazz, l’originale factory siciliana annuncia il nuovo calendario di uscite del 2016 e 2017. Lunedì 26 settembre prima uscita con Giovanni Sollima

Almendra è il nome spagnolo della mandorla, il frutto dal seme ricco di nutrienti e storie, che giunse dalla Cina al Mediterraneo lungo la Via della Seta, portando con sé intensi scambi di culture, competenze e tradizioni. Da questa immagine antica, che ribalta il contesto globale attuale, un nucleo di giovani compositori e produttori siciliani nel 2012 ha messo assieme la propria formazione accademica coi fermenti del vivace underground di Palermo: è nata così Almendra Music, casa di produzione ed etichetta discografica con l’obiettivo di piantare semi di musica in terre confiscate alla disumanità, e restituire così alla Sicilia e al Mediterraneo il loro posto nella geografia, finora a prevalenza nordeuropea, della nuova musica strumentale internazionale.

Invenzione, condivisione e ricerca di una nuova realtà umana quindi artistica: lo spirito con cui è nata Almendra Music, il mythos fondativo del progetto, è questo. Nel 2012 un gruppo di giovani musicisti siciliani fonda uno studio di produzione, un’etichetta discografica, una società che offre servizi di composizione e produzione, fotografia, grafica e video per la musica, sound design, presa diretta e post-produzione audio per il cinema, editoria e licenze delle musiche prodotte dalla label. Il filo conduttore delle varie attività – portate ad unità nello studio e ricerca di un senso “altro”di nuove musiche strumentali – è la dialettica del fare all’interno di un laboratorio di idee ed esperienze, una vera e propria “factory” che dal 2013 ha già pubblicato venti lavori e si avvia a una nuova stagione di idee e semi di buona musica indipendente.

Il nucleo base di Almendra Music è composto da quattro personalità diverse che si intrecciano e incarnano in pieno l’orizzonte artistico e culturale del progetto: Gianluca Cangemi (compositore e produttore), Luca Rinaudo a.k.a. Naiupoche (compositore, produttore e virtuoso dell’elettronica), Danilo Romancino (produttore e sound designer) e Antonio Cusimano a.k.a. 3112Htm (artista visivo, videomaker e designer), operanti nell’atelier creativo dello Zeit Studio, a pochi passi dal Palazzo dei Normanni di Palermo.

La Sicilia vissuta dal team Almendra e dai musicisti che vi approdano è una rinnovata isola di costruzione umana e artistica oltre le macerie della polarizzazione, spesso stantìa e oleografica, tra mafia e antimafia, una casa di confronto – alimentato anche da costanti contatti con le scene straniere, ad es. Berlino – per ideare, condividere e costruire le esperienze artistiche e sonore, immaginando percorsi e narrazioni tra musica colta contemporanea, elettronica, classica, fino alle varie diramazioni prog-art-math-jazz-rock, con una particolare attenzione alla componente visiva e alle connessioni con il mondo dell’immagine.

Al team di fondatori si sono affiancati nel corso degli ultimi anni artisti di diversa estrazione, età, provenienza e linguaggi, le cui opere compongono un catalogo policromo, ideale biglietto da visita di Almendra: Eloisa Manera, Giovanni Di Giandomenico, Alessio Pianelli, Duo Blanco Sinacori, Utveggi, Naiupoche, Forsqueak, SSSS, Chair of Rigel, N’Hash, Your Noisy Neighbors, Francesco Leineri, APS, Heptachord, Antonino Cicero & Luciano Troja, Marco Betta, Luca Pincini + Almendratech, infine Giovanni Sollima, il cui album Sonate di terra e di mare aprirà la nuova stagione di uscite Almendra.

L’imminente nuovo impegno discografico avrà il seguente calendario: Giovanni Sollima (26 settembre), N’Hash (4 ottobre), Pianelli & Montore (14 ottobre), Cicero & Troja (25 ottobre), Heptachord (8 novembre), Giovanni Di Giandomenico (6 dicembre), Valentina Casesa (27 dicembre), Marco Betta (17 gennaio), Marcello Bonanno (31 gennaio), Forsqueak (28 febbraio), Alessio Pianelli (21 marzo), Bruno Pitruzzella (27 aprile), La Banda Siciliano (26 maggio).

Per l’occasione Almendra ha allestito anche Almendra Music Seeds 2013-2016, un sampler (in streaming e free download) che riassume i primi 3 anni di produzioni, disponibile al seguente link:

https://almendramusic.bandcamp.com/album/almendra-music-seeds-2013-2016

Info:

Almendra Music: www.almendramusic.com

Almendra Music Facebook: www.facebook.com/ AlmendraMusic/

Alemendra Music Bandcamp: almendramusic.bandcamp.com

Synpress44 ufficio stampa: www.synpress44.com/


Un manifesto:

STORIA, PREMESSE, PENSIERO

Almendra” è il nome spagnolo della mandorla, il frutto dal seme ricco di nutrienti e storie, che giunse dalla Cina al Mediterraneo lungo la Via della Seta, portando con sé intensi scambi di culture, competenze e tradizioni. Da questa immagine antica, che ribalta il contesto globale attuale, un nucleo di compositori e produttori siciliani nel 2012 ha messo assieme la propria formazione accademica coi fermenti del vivace underground di Palermo: è nata così Almendra Music, casa di produzione ed etichetta discografica con l’obiettivo di piantare semi di musica in terre confiscate alla disumanità, e restituire così alla Sicilia e al Mediterraneo il loro posto nella geografia, finora a prevalenza nordeuropea, della nuova musica strumentale internazionale.

Nei primi tre anni d’avvio, produzione dopo produzione, si è costituito attorno al nucleo iniziale un vivaio creativo di musicisti, produttori e tecnici, cui hanno contribuito e contribuiscono, alla pari, artisti giovani agli esordi e artisti con storie e attività internazionali, dando così luogo anche a dialoghi e alleanze intergenerazionali altrimenti inusuali. Almendra è diventata una casa comune, un luogo in cui pensiero, emozioni e talenti di ognuno dialogano costantemente con rigore e libertà, al servizio della qualità e identità della proposta musicale, nel riconoscimento reciproco di competenze, tradizioni, storie e linguaggi diversi.  A guidare le produzioni Almendra è dunque una ricerca condivisa, in cui non c’è spazio per il compiacimento di sé, le ambizioni astratte di carriera, il superfluo e il superficiale, ma in cui complessità, densità e leggerezza possono diventare storie di suoni, e disegnare, con chi ascolta, nuove cartografie del passato, del presente e del futuro, perché, per dirla con Italo Calvino: “Resta fuori chi crede di poter vincere i labirinti sfuggendo alle loro difficoltà”.

…NOTE, LUOGHI, CONDIVISIONI

Il risultato delle condivisioni in Almendra è un catalogo discografico ed editoriale in continuo sviluppo, caratterizzato dalla prevalente attenzione alle dialettiche attuali tra la musica classica, la musica elettronica, il nuovo jazz e rock e le musiche d’improvvisazione. La musica Almendra è una proposta in grado di risuonare con il “quality listener” curioso e sensibile, finora asfissiato da etichette e tag, siano indie o mainstream, stanco di imbarazzanti crossover, velleità, approssimazioni e banalizzanti contaminazioni; un ascoltatore rispettoso della propria identità di essere umano in ascolto, e rispettato da musicisti e produzione non come target di mercato ma in quanto parte attiva e fondamentale, compagno, complice e sodale di una contemporaneità musicale in cui il suono di un violoncello barocco, la programmazione elettronica più esoterica, una Sonata di Brahms, il math-rock, una canzone, le frammentazioni IDM, i paesaggi Ambient o le risonanze di un pianoforte sono in grado, tutte, ascolto dopo ascolto, di rimettere in circolo in forma di musica la complessità, le energie pulite, il pensiero, le storie e le emozioni del nostro presente futuro.

Casa materiale di Almendra è lo Zeit Studio, a Palermo, a pochi passi da Palazzo dei Normanni, atelier creativo dove, in coerenza con la proposta artistica, artisti e produttori condividono quotidianamente ogni fase del lavoro, dalla composizione alla promozione, e sono pertanto proprietari in egual maniera dei master discografici e dei relativi diritti. Assieme alla proposta discografica, gli artisti, produttori e tecnici Almendra sono quotidianamente al lavoro, al servizio di tutto ciò che necessita di suono allo stato dell’arte, e della musica che necessita di visioni: dalla produzione musicale e discografica all’audiovisivo, la TV, la radio, il cinema, il videogame, i videoclip e i set fotografici, il teatro, fino alla direzione artistica e tecnica di eventi, dal concerto privato al grande festival.

Sviluppo coerente di Almendra è anche la collaborazione organica con operatori e imprese culturali che ne condividano l’approccio e l’etica: altre etichette discografiche, case di produzione cinematografica, case editrici, compagnie teatrali, organizzatori di eventi live. Grazie anche al contributo di Almendra si sono avviate e consolidate, nello stallo attuale e in un territorio complesso come la Sicilia, proposte dal vivo d’alta qualità, come le quattro edizioni del Beat-Full Festival o il Festival Castelbuono Classica, e ormai  numerosi sono i contributi Almendra, audio e musicali, a produzioni cinematografiche in Italia e all’estero, il più recente dei quali è il documentario “Liberami” di Federica Di Giacomo – il cui suono è stato curato da Danilo Romancino di Almendra – unico premio italiano, Miglior Film nella sezione Orizzonti, alla 73a  Mostra Internazionale d’ Arte Cinematografica, La Biennale di Venezia.

IL TEAM ALMENDRA MUSIC:

Gianluca Cangemi: compositore, produttore, fonico di ripresa
Luca Rinaudo (a.k.a. Naiupoche): compositore, produttore, fonico di ripresa e missaggio, virtuoso dell’elettronica
Danilo Romancino: sound designer, fonico di ripresa e missaggio, produttore.
Antonio Cusimano (a.k.a. 3112htm): artista visivo, videomaker e designer.

GLI ARTISTI:

Eloisa Manera | Giovanni Di Giandomenico | Alessio Pianelli | Duo Blanco Sinacori | Antonino Cicero & Luciano Troja | Utveggi | Naiupoche | Forsqueak | SSSS | Chair of Rigel | N’Hash | Francesco Leineri | Your Noisy Neighbors | APS | Luca Pincini + Almendratech | Valentina Casesa | Marcello Bonanno | Marco Betta | Giovanni Sollima


L
E PROSSIME USCITE ALMENDRA MUSIC, 2016-2017:

Lunedì 26 settembre 2016:
Giovanni Sollima [electronics: Luca Rinaudo]
Sonate di terra e di mare

Martedì 4 ottobre 2016:
N’Hash
Birthday Attack

Venerdì 14 ottobre 2016:
Alessio Pianelli (violoncello) & Mario Montore (pianoforte)
Brahms | Beethoven | Hindemith

Martedì 25 ottobre 2016:
Antonino Cicero (fagotto) & Luciano Troja (pianoforte)
An Italian Tale

Martedì 8 novembre 2016:
Heptachord (Nicola Mogavero, sax soprano, & Alessandro Blanco, chitarra)
Heptachord

Martedì 6 dicembre 2016:
Giovanni Di Giandomenico
Ambienti

Martedì 27 dicembre 2016:
Valentina Casesa
EP, solo piano

Martedì 17 gennaio 2017:
Marco Betta
EP, solo piano + electronic remixes/reworks by Giovanni Di Giandomenico and Naiupoche

Martedì 31 gennaio 2017:
Marcello Bonanno
Cycles (working title)

Martedì 28 febbraio 2017:
Forsqueak
2 (working title)

Martedì 21 marzo 2017:
Alessio Pianelli
Sulla Quarta

Giovedì 27 aprile 2017:
Bruno Pitruzzella
LP, solo chitarra (acustica, classica, 12-corde, elettrica)

Venerdì 26 maggio 2017:
La Banda Siciliano
L’Ombra del Padrino

Distribuzione digitale (iTunes, Spotify, Amazon, etc…): The Orchard.

La Redazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...