CUREANOMALIES – Intervista alla cover band dei CURE

Articolo pubblicato su VIVIROMA MAGAZINE – 01 2015 GENNAIO a pag.41
logo-viviroma-tv-SOCIALNIGHTPEOPLE-copy-e1353202234674

11401142_1009178469115039_3759429217924627306_n

Negli anni ’80 sono stati tra le band più famose e influenti del decennio, sono stati l’emblema della scena punk-new wave; le loro canzoni ci hanno fatto entusiasmare, amare, piangere e hanno creato tante di quelle emozioni che ancora oggi dimenticarli è impossibile: parliamo dei Cure, e per chi ha avuto la sfortuna di nascere troppo tardi per godersi appieno la magia musicale del gruppo guidato dal leader Robert Smith nessun problema, ci sono i CUREANOMALIES a farveli rivivere.

Quando e come é nata la vostra Tribute Band?

I CUREANOMALIES sono nati nellagosto del 2012 e piano piano ci siamo affermati come tribute band con i nostri concerti nel panorama musicale romano suonando in diversi locali. Tra tutti il Pride Pub è stato come il nostro CAVERNin cui stiamo crescendo come band!

Da dove deriva la vostra passione per i Cure?

I Cure per quasi tutti i componenti del gruppo, sono stati come una presa di posizione netta contro la società anni ’80, anche se ognuno di noi singolarmente viene da altri background musicali che comprendono anche gruppi come Joy Division, Siouxsie, Sisters of Mercy, Mission, Smiths , Dead Can Dance e Bauhaus tra gli altri.

I componenti provengono da varie esperienze musicali e interessi diversi: Doriano Roccon, (bassista – cantante) è insegnante di basso e suona il contrabbasso in orchestre classiche; Giuseppe Bellobuono, (chitarrista) è un esperto di musica, collezionista di vinili, Dj radiofonico e redattore musicale; Daniele Massimi, (tastierista) è un appassionato di musica e grafico multimediale e Dj radiofonico; Diego Dionisio, (batterista) è un Dj di nota fama nel panorama dark di Roma e ha suonato con diverse tribute band. ( N.B. dal luglio 2015 il nuovo batterista ufficiale dei Cureanoamalies è Francesco Undertrain Latini)

Perché avete scelto di formare una tribute bandanziché una band qualsiasi?

Principalmente per rendere omaggio al gruppo che ha acceso la nostra fantasia e ha nutrito le nostre passioni e che ci ha influenzato nel modo di suonare. Ovviamente abbiamo in preparazione anche dei nostri brani originali che presenteremo prossimamente e inevitabilmente il registro sonoro sarà molto influenzato da atmosfere care ai Cure e alla dark wave di quel periodo. 

I vostri concerti live hanno un buon seguito. Cosa pensate che il pubblico si aspetti da voi? Una copia perfetta dell’originale o qualcosa di innovativo?

Noi ci proponiamo senza orpelli, cerone, rossetto e capelli sparati. Voler essere uguali a tutti i costi agli originali può fa sembrare il tutto una caricatura. Quello che a noi interessa è comunque far musica ma anche far conoscere i Cure a coloro che non cerano negli anni 80. Il nostro motto è NO IDOLATRY, JUST ANOMALY!!.

Le set list dei nostri concerti fanno riferimento principalmente ai primi album dei Cure, fino a DISINTEGRATION e qualche brano da WISH, per un repertorio (in continuo aggiornamento) di circa 35 pezzi (da Boys dont cry, Play for today, A Forest, a The Drowning Man, The Figurehead, fino ai classici In Between Days, Charlotte Sometimes, Lovesong, Lullaby, ecc).

Nei live, ai brani più famosi, si abbina a volte tutto l’album SEVENTEEN SECONDS per intero come se fosse un concept, sempre con visual originali create ad hoc che accompagnano comunque, quando possibile, tutte le performance del gruppo e lo abbiamo eseguito anche al Pride Pub.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Suonare di fronte ad un pubblico sempre maggiore come prima cosa e suonare anche in posti più grandi a livelli di palco e amplificazione. 

Pensiamo in un futuro prossimo di abbinare nei nostri concerti anche lesecuzione di nostri brani inediti.

Un sogno che vorreste realizzare?

Stringere la mano a Robert Smith e suonare o incontrare i nostri ispiratori e magari provare a fare un pezzo insieme; sarebbe un modo per ringraziarli e per noi unemozione irripetibile ed unica.

La vostra prossima serata a Roma?

Il 6 gennaio 2015 ovviamente al Pride Pub per il DARK BEFANA PARTY; Il 24 gennaio , invece, lappuntamento è al Traffic Club dove parteciperemo alla Cure Nightdedicata alla musica dei Cure e a tutto il panorama dark con un nostro concerto e un dj set da non perdere.

Dove possono seguirvi i vostri fan?

Sul sito ufficiale: www.cureanomalies.com e sulla pagina Facebook: www.facebook.com/Cureanomalies

https://soundcloud.com/cureanomalies/sets/live-at-traffic-club-roma

Pagina su EXHIMUSIC: https://exhimusic.wordpress.com/cureanomalies/

cureanomalies1Doriano_Roccon10151928_886093661462067_5176170087063586585_n

Annunci